Floriterapia - Viviana Dall'Ora

Vai ai contenuti

Menu principale:

Floriterapia

I Fiori di Bach

CONSULTI INDIVIDUALI
info e appuntamenti: info@vivianadallora.it


 





I Fiori di Bach e la floriterapia 




...forse la più grande lezione di vita è apprendere che cos'è la libertà dalle circostanze, dall'ambiente, da altre personalità e soprattutto da noi stessi perché fino a quando non siamo liberi non saremo pienamente capaci di donare…



Affidarsi all'energia dei fiori, può condurre, con semplicità e immediatezza a capire cosa è meglio per noi e ad iniziare a lasciare andare lo stato d'animo incatenante che è alla base delle nostre paure e di conseguenza dei nostri problemi del quotidiano.
Se ci lasceremo condurre in una nuova frequenza, sarà inevitabile approdare in nuovi spazi ridimensionando le paure e aiutandoci a trasformarle.
I fiori, con le loro frequenze, i colori e le innumerevoli sfumature e forme, ci invitano a prendere in esame la nostra personalità.
La scelta dei fiori dipende dal nostro stato emozionale del momento e favorisce la possibilità di creare la nostra alchimia di guarigione.

La floriterapia contribuisce a sanare il corpo restituendo armonia e benessere a tutto l’individuo, in quanto dentro ad ognuno di noi è già presente l’energia per poter guarire.
I fiori permettono di riequilibrare il corpo e lo spirito, di rimettersi in sintonia con la propria essenza, con i sogni e le aspirazioni più vere.
Il campo su cui agiscono è quello dell’emotività e degli stati d’animo, ma come insegna la psicosomatica la mente non è staccata dal corpo e ciò che mostra a livello mentale, ha un significato ed un’influenza anche sul piano fisico.

I fiori aiutano a rafforzare la personalità per essere in grado di operare le scelte che rispondono alle esigenze dell’anima. Offrono un grande aiuto per rafforzare la volontà e di conseguenza, operare scelte che rispondono alle esigenze dell’anima. Ci riconnettono alla nostra essenza più profonda ed ogni fiore è collegato ad uno stato emozionale particolare. 
Ci ammaliamo infatti se siamo sordi alla nostra voce interiore, ai nostri reali bisogni, a quello che il corpo, attraverso i malesseri o la malattia, ci trasmette.

 


Le origini: Edward Bach e la floriterapia


Edward Bach (1886-1936) medico gallese straordinariamente sensitivo, approcciò in modo nuovo la medicina, infatti uno dei suoi principi si fondava su “non importa di cosa soffra il paziente nel suo corpo, la causa prima di questa condizione potrà essere estirpata se si potrà risalire e riequilibrare lo squilibrio che si è formato nella psiche”.

Insoddisfatto di come la medicina tradizionale prestasse poca attenzione alla personalità degli ammalati concentrandosi solo sul corpo fisico, notò che la medesima terapia non sempre curava gli stessi sintomi in tutti i pazienti.
Rilevò inoltre come pazienti con carattere simile reagissero allo stesso modo. Constatò infatti che ciò che caratterizza i disturbi fisici è essenzialmente la condizione psicologica in cui le persone si trovano.

Per trovare i suoi rimedi si recava nei parchi, in mezzo alla natura, raccoglieva la foglia di una pianta e con l’aiuto della sua sensibilità riusciva a percepirne l’effetto sul corpo e sulla psiche.


 


Il concetto di malattia


Edward Bach era convinto che la malattia fosse “la concretizzazione di un atteggiamento mentale” e che solo correggendo lo stato psicologico negativo si potesse debellare la causa del malessere, affermava infatti “non tenete in alcun conto la malattia…pensate soltanto alla prospettiva che ha della vita colui che ne è afflitto”.
Per questo decise di concentrare la sua attenzione sulle energie positive di trentotto fiori da cui estrasse altrettanti rimedi, ciascuno dei quali è in grado di modificare uno specifico stato mentale.

La malattia quindi è intesa come linguaggio dell’inconscio, la guarigione significa ritornare verso il vero IO, camminando verso la perfezione e l’unità, ovvero diventare consapevoli.
Attraverso la concezione qualitativa della malattia, ogni disturbo, lieve o grave, fisico o mentale è il segnale che sta avvenendo dentro di noi un cambiamento e ci avverte che il nostro equilibrio è precario e va in parte modificato, altrimenti corriamo il rischio di peggiorare la situazione.
In quest’ottica quindi il sintomo non è considerato come qualcosa che crea problemi e va eliminato per tornare allo stato precedente, ma come un’opportunità da cogliere per migliorare la qualità della propria vita.
Il nostro corpo ci dice che non serve, anzi spesso è dannoso, intervenire su singole parti dell’uomo, ma è necessario, per guarire veramente, andare più a fondo ed esplorare anche ciò che sembra lontano da dove avvertiamo il fastidio o dolore.
Per essere in buona salute è necessario ritrovare equilibrio ed unità nel sistema corpo-spirito-mente e perseguire la guarigione tenendo unito ciò che non può funzionare separatamente. Seguendo questa via ci si accorge che nell’uomo sono ben presenti potenti forze di autoguarigione che si basano sull’introspezione di noi stessi.

E’ importante non lottare contro la malattia, ma ascoltarla per capirne il senso: quando si incontrano difficoltà evolutive si incontra la malattia. I fiori contribuiscono allo sviluppo delle sensazioni e dell’individuazione dei blocchi energetici.
Il cambiamento emotivo negativo fa vivere la situazione che dobbiamo affrontare in un certo modo e se non capiamo, il corpo reagisce facendoci vedere quello che non voglio capire.

La guarigione quindi non consiste nell’eliminazione dei sintomi ma nella loro risoluzione e con l’integrazione del loro significato.


 


CORSI
individuali o di gruppo

CORSO INTRODUTTIVO   

Durata: un week-end
Struttura del Corso introduttivo
- Il pensiero di Edward Bach e cenni biografici
Concetti e principi 
- Presentazione dei 38 Fiori 
Metodi di preparazione
- Sintomi e fiori
- Uso dei fiori

CORSO AVANZATO
Durata: un week-end
Struttura del Corso Avanzato
- Approfondimento delle conoscenze sui 38 Fiori
- Esercizi pratici sulla scelta dei rimedi
- I pensieri e i comportamenti negativi: come vengono modificati
- Come aiutare lo stato negativo alla trasformazione
- Prove pratiche di preparazione dei fiori
- Vari metodi per stabilire la scelta del fiore


Attenzione:
I Fiori di Bach possono essere un utile aiuto nella vita di ciascuno ma vanno comunque fatte delle doverose precisazioni. Lo scopo di quanto detto all'interno di questo sito è semplicemente quello di illustrare i principi su cui si basa l'uso energetico dei fiori e NON sostituisce la figura del medico nè esclude accertamenti clinici.



 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu